Progetto “Minoranze discriminate in Italia e Spagna”

Minoranze discriminate in Italia e Spagna: variabili psicosociali che predicono l’atteggiamento della maggioranza

Obiettivo dello studio è confrontare gli atteggiamenti delle maggioranze (italiani e spagnoli) verso 4 minoranze tradizionalmente discriminate: rom, rom romeni, romeni e marocchini, rivelando sia gli atteggiamenti e le preferenze pregiudizievoli sul processo di acculturazione di tali gruppi, sia altre variabili psicosociali che possono influenzarli (stereotipi, emozioni, tendenze comportamentali e percezione della disumanizzazione, quantità e qualità del contatto, minaccia e somiglianza percepita). L’attesa è che, in entrambi i Paesi, i rom romeni saranno valutati peggio rispetto agli altri gruppi. Inoltre lo studio permetterà di mettere a fuoco quali variabili meglio predicono tali atteggiamenti pregiudizievoli.

Obiettivo finale dello studio è duplice: da un lato individuare modelli teorici che permettano di interpretare le cause della qualità dei rapporti tra gruppi culturali diversi nelle due società (italiana e spagnola), dall’altro reperire informazioni per azioni di intervento che possano migliorare tali rapporti e sostenere il cammino verso comunità effettivamente multiculturali. Ciò, naturalmente tenendo conto delle specificità dei due contesti.

 

Responsabile scientifico del progetto per l’Università di Verona: Anna Maria Meneghini

Responsabile scientifico del progetto per l’Università di Almeria (Spagna): Maria Soledad Navas Luque

 

Periodo: 1 aprile 2018 – 30 aprile 2020

 

Pubblicazioni:

  • Meneghini A.M., Navas M.S. (2019). Atteggiamento verso gli zingari e acculturazione: un gruppo discriminato da maggioranza e minoranze. In Albanesi, D. Boniforti, C. Novara (Eds.), Comunità Imperfette: Dalle dinamiche disgregative al decision making comunitario, Atti del XII° Convegno Nazionale S.I.P.CO, Palermo 7-9 Giugno 2018, pp. 192-198.